Covid-19 info e aggiornamenti. Scopri le nostre misure di sicurezza. Vedi i dettagli

I passaggi chiave


Quando creò Marineland nel 1970, la missione del conte Roland de la Poype era quella di far conoscere la vita degli animali marini a un pubblico più vasto: "A quel tempo i delfini, le orche, gli elefanti e le foche erano solo selvaggina. Venivano cacciati per la loro pelliccia, l'olio o la carne e macellati nell'indifferenza generale. Creando Marineland, ho voluto sensibilizzare l'opinione pubblica".

Nel momento in cui è stato avviato, lo zoo marino di Antibes ha creato uno spazio per gli uccelli feriti o esausti. Lì sono stati curati e nutriti prima di essere rilasciati di nuovo in natura. Nel luglio 1976, un cucciolo di foca grigia orfano fu affidato a Marineland, l'unica struttura idonea, affinché "Chouchou" potesse trovare dei compagni foca e una vita marina più adatta. Questa foca ha poi vissuto pacificamente per circa trent'anni a Marineland, che fin dall'inizio ha voluto adempiere a una missione di conservazione della specie.

Capacità di riproduzione sviluppate negli anni '80

Nel corso di una spedizione alle Isole Kerguelen nel 1985-1986, un'équipe scientifica del Servizio francese per le Terre australi e antartiche ha raccolto le uova di fine deposizione dei pinguini reali. Queste uova sono state deposte troppo tardi nella stagione subantartica (a maggio, quando il periodo di deposizione delle uova è tra gennaio e marzo) e quindi sono state condannate. Si è deciso di rimpatriare i piccoli al sicuro in un'incubatrice, per poi trasferirli a Marineland e farli schiudere. Su 52 uova, 23 si sono schiuse e 18 pulcini erano in vita: un colpo di fortuna per questi esemplari e un chiaro successo per una spedizione pionieristica nel settore.

Nel 1989 è nato il primo cucciolo di leone marino a Marineland. Si trattava di una piccola femmina di leone marino della Patagonia. Marineland ha poi sviluppato competenze nell'allevamento di leoni marini della California e successivamente di molte specie. Nel mondo degli acquari, Marineland è oggi un punto di riferimento per la riproduzione naturale di alcuni squali o pesci tropicali. Nel 1999, Marineland ha completato con successo tutte le fasi della riproduzione dello squalo grigio, dall'accoppiamento alla nascita dei cuccioli. Da allora, più di 200 piccoli squali grigi sono nati ad Antibes, poi introdotti negli acquari di tutto il mondo, salvandoli dal prelievo in natura. Marineland è anche il primo zoo ad aver completato con successo il ciclo di vita della tartaruga comune.

Avere specie selvatiche è una grande responsabilità; occorre fornire un ambiente favorevole alla riproduzione naturale delle specie ospitate per garantire non solo il loro benessere, ma anche la conservazione dei loro congeneri in natura. (link alla pagina Capacità riproduttive).

Creazione del Centro di ricerca sui cetacei nel 1998

Negli anni '90, Marineland si è distinta in un nuovo campo, quello della ricerca, dotandosi di una struttura scientifica permanente. È una delle pochissime strutture private in Europa a farlo. Il CRC si è concentrato principalmente sullo studio dei cetacei del Mediterraneo e durante tutto l'anno vengono svolti programmi scientifici nell'ambiente naturale, ma anche con gli animali dello zoo. Il lavoro ha portato a una migliore comprensione dell'ecologia di delfini e balene e quindi a una migliore protezione dei cetacei. I temi studiati sono numerosi: presenza di specie, zone di migrazione, abbondanza di popolazione, ecc. Questo lavoro ha contribuito alla creazione, nel 1999, del santuario mediterraneo Pelagos per i mammiferi marini, un'area marittima di 87.500 km² tra Francia, Monaco e Italia.

Clinica veterinaria e fondazione Marineland negli anni 2000

La salute degli animali è sempre stata una priorità per il personale di Marineland. Per 38 anni gli animali marini sono stati curati da un veterinario venuto appositamente dalla Gran Bretagna in base alle esigenze e alle cure richieste. Nel 2008 Marineland ha acquisito una struttura specializzata, una clinica veterinaria con mezzi tecnici moderni. Il veterinario e il suo team, specialisti in fauna selvatica, assicurano il monitoraggio quotidiano degli animali e attuano e supervisionano i protocolli di prevenzione della salute e della sicurezza. Controllano l'igiene e l'alimentazione degli animali ospiti e, naturalmente, il loro controllo medico. (link alla pagina Custodi e veterinari).

Nel 2010 Marineland compie un nuovo passo nella sua missione di conservazione delle specie e di sensibilizzazione del pubblico. Lo zoo ha creato la sua Fondazione per sviluppare progetti di interesse generale, incentrati sul mondo marino e sui suoi abitanti. Grazie alle azioni della Fondazione sono stati creati programmi di conservazione e riabilitazione per le specie minacciate. I progetti sono su iniziativa della Fondazione o realizzati in collaborazione con altri partner. 

Nel 2011, questa struttura cambia il suo statuto e diventa l’’Association Marineland come è attualmente conosciuta. Il suo obiettivo è sviluppare, promuovere e incoraggiare la conservazione delle specie animali e sensibilizzare l'opinione pubblica sull'ambiente marino.

Biglietto online da

24,90 €