Un biglietto d'ingresso gratuito!

Per ogni biglietto acquistato. Scopri l'offerta qui.

Obstortuemed

Dal 2012, l'Associazione Marineland gestisce il programma di conservazione ObsTortueMed, Osservazione delle tartarughe marine nel Mediterraneo. Oltre a un programma di sorveglianza delle popolazioni in mare al largo delle Alpi Marittime e del Var, ObsTortueMed permette di migliorare le conoscenze sull'evoluzione della struttura delle popolazioni e sull'identificazione delle minacce specifiche di una regione particolarmente impattata dalle attività umane.

ObsTortueMed ha diversi componenti.

Photo credit : S. Jamme

Photo credit : S. Jamme

La componente "osservazione in mare”

Questa componente è una campagna di osservazione basata sul principio della cosiddetta scienza partecipativa o citizen science. L'obiettivo è definire lo stato delle popolazioni di tartarughe marine al largo delle Alpi Marittime e del Var. Queste osservazioni raccolte ogni anno, documentano la presenza, l'abbondanza e la distribuzione geografica delle tre specie lungo la nostra costa.

La componente "intervento su individui in difficoltà" presso il C.R.F.S.

Situato sulla punta del Cap d'Antibes, nella baia di Juan les Pins, su un sito appartenente al Conservatoire du Littoral, il Centre de Réhabilitation de la Faune Sauvage (C.R.F.S.) è un "ospedale" dedicato alle tartarughe marine spiaggiate o trovate in difficoltà al largo delle Alpi Marittime e del Var. Con le sue tre vasche individuali da 1000 litri e la vasca principale da 17 m3, la sua capacità è di 5 tartarughe marine.

Questo centro di trattamento, uno dei 3 presenti in Francia sulla costa mediterranea, ha aperto le sue porte nel luglio 2017. È gestito e finanziato dall'Associazione Marineland, che beneficia del personale specializzato di Marineland (personale e veterinari). Le tartarughe in difficoltà vengono accolte e curate fino al rilascio in natura.

Photo credit : S. Jamme

Photo credit : S. Jamme

La componente "Incaglio della tartaruga morta”

L'Associazione Marineland si occupa delle autopsie delle tartarughe morte trovate in mare aperto o sulle coste delle Alpi Marittime e del Var. Questa azione ci permette di identificare con maggiore precisione le cause di morte e le minacce per queste specie protette. Nell'ambito del programma scientifico dell'Observatoire des Tortues Marines de France Métropolitaine et de Saint-Pierre-et-Miquelon (OTM), vengono sistematicamente prelevati campioni biologici (sangue, pelle) e un'analisi del contenuto digestivo per arricchire le banche dati e partecipare a studi scientifici. Questi campioni, così come i dati raccolti dal Centre de Réhabilitation de la Faune Sauvage (C.R.F.S.), informano il programma di monitoraggio della Directive Cadre Stratégie pour le Milieu Marin (DCSMM) e il programma europeo INDICIT (INDICator Impact Turtle).

La componente "Consapevolezza”

La campagna ObsTortueMed inizia ogni primavera con una visita ai professionisti e agli utenti del mare: più di 80 centri delle Alpi Marittime e del Var vengono sensibilizzati ogni anno sull'importanza di registrare gli avvistamenti di tartarughe marine (capitanerie di porto, club di immersione, pescherecci, pesca d'altura, whale-watching, circoli velici, yacht club, associazioni di regata, imbarcazioni SNSM, dipartimenti di affari marittimi, navette per escursioni, forze di polizia marittima, scuole di vela, barche scolastiche, sono tutti coinvolti). Questi professionisti e utenti del mare, grazie a questa componente di sensibilizzazione, trasmettono le loro osservazioni fatte durante l'anno e si aggiungono alla banca dati "Osservazioni in mare".

Vengono inoltre organizzati incontri con reti professionali come le basi dei vigili del fuoco e i prud'homies de pêches. Tutti i dati sugli avvistamenti, gli spiaggiamenti e le tartarughe in custodia vengono comunicati alla RTMMF (Réseaux Tortues Marines de Méditerranée Française), una commissione della SHF (Société Herpétologique de France).

sensibilisation-obstortuedmed

Photo credit : S. Jamme

sensibilisation-obstortuedmed

Photo credit : S. Jamme

Tartarughe marine, una specie protetta

In Francia, tutte le specie di tartarughe marine sono protette. Ciò significa che per lavorare su una tartaruga marina, anche se in difficoltà, è necessario essere autorizzati a farlo e disporre di un permesso rilasciato dalle autorità competenti nell'ambito di un programma scientifico convalidato dal Consiglio nazionale francese per la protezione della natura.

Al mondo esistono sette specie di tartarughe marine, tre delle quali vivono regolarmente nel Mediterraneo occidentale: la tartaruga Loggerhead (Caretta caretta), la tartaruga Leatherback (Dermochelys coriacea) e la tartaruga verde (Chelonia mydas). Le tartarughe marine sono migratrici. Vagano per i mari e gli oceani alla ricerca di zone di alimentazione, riproduzione e nidificazione. La diversità degli habitat che attraversano non fa che aumentare i rischi e le minacce che devono affrontare.

La tartaruga marina è stata designata come bioindicatore dell'ambiente ecologico in cui vive nell'ambito della Direttiva quadro sulla strategia marina (MSFD), che mira a raggiungere un buono stato ambientale. ObsTortueMed sta contribuendo alla creazione del protocollo di analisi dei rifiuti e al trasferimento dei dati.

Rimani aggiornato

Activities
Associazione Marineland

Associazione Marineland