Covid-19 info e aggiornamenti. Scopri le nostre misure di sicurezza. Vedi i dettagli

Tartaruga Caretta Caretta

Area tematica:  Tunnel aux requins
Nome scientifico:  Caretta caretta
Classe:  Rettili
Ordine:   Testudines
Famiglia:   Chelonidi
Continente:  Africa
Habitat:  Du fait de son mode de vie migratoire, la tor
Alimentazione:  Carnivore
Peso:  120 - 160 kg
Dimensione:  90 - 115 cm
altphoto altphoto
programma -eep
Obstortuemed

Obstortuemed

Centro di riabilitazione della fauna selvatica

Centro di riabilitazione della fauna selvatica

Missione Azami

Missione Azami

CARATTERISTICHE

Alla schiusa, i neonati misurano in media 45 mm e pesano circa 20 g. L'adulto misura tra 90 e 115 cm e pesa tra 120 e 160 kg, ma sono stati osservati esemplari molto più grandi e pesanti. I maschi sono più grandi delle femmine e, quando sono maturi, la loro coda sporge di oltre 20 cm dalla parte posteriore dello scuto. Si stima che la longevità della tartaruga marina sia superiore a 65 anni.

DISTRIBUZIONE

Il sui areale è molto vasto.  Si trova nelle zone temperate e subtropicali degli oceani  Atlantico<Indien et Pacifico, e anche nel mar Mediterraneo.  È la tartaruga marina con la distribuzione e l'areale di deposizione delle uova geograficamente più esteso. È l'unica specie a deporre le uova nelle zone temperate.

HABITAT

A causa del suo stile di vita migratorio, la tartaruga Caretta Caretta occupa un'ampia varietà di habitat.  Viaggia per migliaia di km tra le aree di alimentazione, accoppiamento e deposizione delle uova.  I primi anni di vita dei piccoli sono chiamati gli anni fantasma perché ci sono pochi dati sul loro stile di vita e sui loro spostamenti. Si lasciano trasportare dalle correnti e utilizzano oggetti galleggianti per ripararsi, adottando un comportamento alimentare pelagico (in mare aperto). Dopo diversi anni trascorsi al largo, si avvicina alla costa, si stabilisce in un sito di deposizione delle uova e adotta un comportamento di alimentazione bentonico (sul fondale marino).

ECOLOGIA E COMPORTAMENTO

La tartaruga marina trascorre tutta la vita in acqua, tranne la femmina che, durante la stagione della nidificazione, esce sulla spiaggia per deporre le uova oltre il limite dell'alta marea.  Durante la notte o la mattina molto presto, scava un nido nella sabbia con le zampe posteriori.  Depone tra le 70 e le 100 uova nel nido, a seconda delle dimensioni, che poi ricopre di sabbia prima di tornare in acqua.  Può riprodurre questo scenario fino a 7 volte durante la stessa stagione di deposizione, ma poi non depone più per 2 o 3 anni.  Anche se protette dalla sabbia, le uova possono essere pesantemente predate da cani, insetti, ...  La schiusa avviene +-  60 giorni dopo la deposizione, a seconda della temperatura di incubazione  Spesso avviene al tramonto o durante la notte. La risalita dal nido dura tra le 24 e le 48 ore e il movimento collettivo la facilita: avviene l'emersione. Questo faticoso movimento permette ai neonati di costruire le loro pinne e quindi di avere più possibilità di attraversare rapidamente la distanza che li separa dall'acqua.  Durante la corsa verso il mare, i neonati sono particolarmente vulnerabili, vittime di molti predatori (granchi, cani randagi, uccelli...).  Le onde spingono le giovani tartarughe in mare, dove altri predatori marini riducono ulteriormente le loro possibilità di sopravvivenza. Si stima che solo un neonato su mille raggiunga la maturità sessuale.

 

CIBO

La tartaruga Caretta Caretta è onnivora.  Durante le prime due settimane di vita in mare, i piccoli attingono a ciò che resta delle loro riserve vitelline (riserve nutritive). Trasportati dalle correnti, si nutrono di meduse e piccole larve di crostacei. Quando migra e quindi in mare aperto, la tartaruga adulta si nutre principalmente di meduse e calamari.  Quando si trova vicino alla costa, si nutre sul fondo, di bivalvi, granchi, ricci di mare e pesci.

 

PREDATORI

Le uova e le giovani tartarughe sono vittime di un'ampia gamma di predatori. Ma una volta che le tartarughe raggiungono l'età adulta, le loro grandi dimensioni e il loro guscio le proteggono dai predatori marini. I principali predatori della tartaruga adulta sono l'orca e lo squalo bianco.

 

MINACCE

Siccome le tartarughe sono migratrici, le minacce per loro sono molteplici: cattura accidentale nelle reti da  pesca, intenso bracconaggio di uova e adulti, sviluppo di infrastrutture turistiche e pesca industriale in prossimità dei siti di deposizione delle uova, inquinamento di idrocarburi e di metalli pesanti, ingestione di sacchetti plastica scambiata per meduse...  

 

COSA POSSIAMO FARE?

Equipaggiare gli attrezzi da pesca sui pescherecci di dispositivi di esclusione delle tartarughe.  Questo sistema riduce la mortalità delle tartarughe fornendo una via di fuga dalla rete.

Migliorare la protezione delle aree di nidificazione dai predatori e dalle attività turistiche.

Migliorare il riciclaggio, la conversione e la gestione dei rifiuti per evitare che finiscano in mare...

SPETTACOLI O INCONTRI

Preservazione
Estinto
Estinto in natura
In pericolo critico
In pericolo
Vulnerabile
Vicino alla minaccia
Minima preoccupazione
Dati carenti
Non valutato

LO SAPEVATE?

Il sesso delle tartarughe marine è influenzato dalla temperatura di incubazione. Tra 28 e 30°C uscirà un maschio, tra 30 e 32°C una femmina. Una temperatura di 30°C farà uscire il 50% di maschi e il 50% di femmine!

Biglietto online da

24,90 €