Leoni marini di Steller

Area tematica:  Rocher des otaries
Nome scientifico:  Eumetopias jubatus
Classe:  Mammiferi
Ordine:   Carnivori
Sottordine:   Pinnipedi
Famiglia:   Otaridi
Continente:  Nord America
Habitat:  Habitats marins côtiers et rockeries
Alimentazione:  Piscivore
Peso:  300 - 1.000 kg
Dimensione:  2.5 - 3.3 m
altphoto altphoto altphoto
Info Covid
Programma europeo Ex-situ (EEP)

Programma europeo Ex-situ (EEP)

Il leone marino di Steller è il più grande rappresentante della specie dei leoni marini. Ha un corpo massiccio, un petto largo e una specie di criniera. Il colore del pelo è marrone rossiccio. La testa è grande e il muso appiattito.

 

CARATTERISTICHE

Maschio: fino a 3,3 m per 1000 kg, maturo tra i 3 e i 7 anni. Tuttavia, non sarà in grado di difendere il suo territorio fino all'età di 9 anni.

Femmina: fino a 2,5 m per 300 kg,  matura tra i 3 e i 6 anni.

Alla nascita: 1 m per 20 kg, svezzato a circa 1 anno anche se l'allattamento può durare di più.

Longevità: 30 anni per le femmine e 20 anni per i maschi.

Il leone marino di Steller è la più grande delle 16 specie  di leoni marini.

.

DISTRIBUZIONE

Il leone marino di Steller vive in tutto il Pacifico settentrionale; esistono due popolazioni: quella orientale e quella occidentale. La popolazione orientale si estende dalla metà della California al sud-est dell'Alaska. La popolazione occidentale vive nel Golfo dell'Alaska, nel Mare di Bering e si estende fino al Giappone settentrionale.

 

HABITAT

Il leone marino di Steller sfrutta le coste rocciose dove si reca per riposare, accoppiarsi e partorire.  Questo luogo di vita viene poi chiamato roccolo. In mare, si trova tra la zona di marea e il bordo della piattaforma continentale, aree in cui ama particolarmente cacciare.

 

ECOLOGIA E COMPORTAMENTO

Il dimorfismo sessuale è molto pronunciato. La specie è poligama e, una volta adulto, il maschio può pesare tre volte la femmina. Arriva prima delle femmine sulle spiagge. Solo a partire dai 9 anni il maschio è in grado di difendere il suo territorio e di accoppiarsi.  Il periodo di accoppiamento è tra la tarda primavera e l'inizio dell'estate  La gestazione dura un anno, con un periodo di gravidanza ritardato di circa tre mesi  Si tratta di un periodo in cui la femmina viene fecondata ma l'embrione non si sviluppa.  Se la madre gode di buona salute (alimentazione corretta, assenza di malattie), il feto si svilupperà. Il piccolo nasce tra maggio e luglio. La madre rimane poi sulla terraferma tra le 7 e le 10 settimane senza lasciare il cucciolo per allattarlo molto spesso.  Poi, inizia ad allontanarsi per periodi che vanno dalle 18 alle 25 ore.  È di nuovo fertile 2 settimane dopo il parto.

Anche se può percorrere lunghe distanze, l'otaria di Steller non è considerata migratrice. Solo gli esemplari giovani percorrono lunghe distanze e si allontanano dal roccolo.  Gli adulti invece mostrano un comportamento piuttosto sedentario.

 

CIBO

L'otaria di Steller si nutre principalmente di pesci e cefalopodi, ma a volte può nutrirsi di otarie di specie più piccole o di cuccioli di foca.

Opportunamente, ha imparato a nutrirsi nelle reti da pesca, il che ha fatto sì che venisse ucciso molto regolarmente e in gran numero tra gli anni '50 e '70.

Il comportamento di caccia della femmina varia tra estate e inverno. In inverno caccia più lontano e più in profondità rispetto all'estate, quando rimane vicino alla roccia per allattare i suoi piccoli.

 

MINACCE

La popolazione orientale:

Ci sono state pesanti campagne di abbattimento tra gli anni Cinquanta e Sessanta, poi ridotte intorno agli anni Settanta. Anche se alcuni esemplari vengono ancora uccisi dai pescatori che cercano di proteggere i frutti del loro pescato, questa pratica è notevolmente diminuita, soprattutto da quando le autorità degli Stati Uniti e del Canada hanno completamente vietato l'uccisione di questa specie. Dagli anni '70, la popolazione ha ricominciato lentamente ad aumentare.

La popolazione dell'Ovest:

Questa popolazione è diminuita del 70-80% a partire dagli anni '70. Sono state analizzate diverse cause: uccisione da parte dei pescatori, catture accidentali, malattie, inquinamento, diminuzione delle risorse alimentari... Secondo studi recenti, questi diversi fattori ambientali, oltre alla predazione da parte delle orche, stanno esercitando una forte pressione sulla popolazione. Dal 2000, la popolazione è aumentata un po', il che indica che alcuni di questi fattori potrebbero esercitare una pressione minore.

PREDATORI

L'orca, gli squali e gli esseri umani.

.

COSA POSSIAMO FARE?

Ridurre la pressione sulle risorse alimentari del leone marino di Steller mangiando pesce proveniente da una pesca ecosostenibile

LO SAPEVATE?

Poco prima della stagione degli amori, il maschio mangia molto fino a pesare quasi 1000 kg.  Questo peso gli permetterà di digiunare per tutta la stagione degli amori.  In questo modo non tornerà in acqua per nutrirsi e sarà in grado di difendere tenacemente la sua spiaggia e il suo harem dalle avances di altri maschi che vivono più ai margini. 

RAPPRESENTAZIONI O INCONTRI

Preservazione
Estinto
Estinto in natura
In pericolo critico
In pericolo
Vulnerabile
Vicino alla minaccia
Minima preoccupazione
Dati carenti
Non valutato

LO SAPEVATE?

Poco prima della stagione degli amori, il maschio mangia molto per arrivare a pesare quasi 1000 kg. Questo peso gli permetterà di digiunare per tutta la stagione degli amori.