Leone marino sudafricano

Area tematica:  Roccia di leone marino
Nome scientifico:  Arctocephalus pusillus pusillus
Classe:  Mammiferi
Ordine:   Carnivori
Sottordine:   Pinnipedi
Famiglia:   Otaridi
Sottofamiglia:   Foca da pelliccia
Continente:  Africa
Habitat:  Oceans and seas
Alimentazione:  Piscivore
Peso:  60 - 250 kg
Dimensione:  1.3 - 2.3 m
altphoto

Il leone marino sudafricano, facilmente riconoscibile per i suoi padiglioni uditivi disposti perpendicolarmente alla testa, è anche chiamato otaria da pelliccia. Come in tutte le specie di leoni marini, il maschio è molto più grande della femmina.

Il maschio è anche l'unico ad avere una testa grande.

CARATTERISTICHE

È la più grande delle 8 specie della sottofamiglia delle otarie da pelliccia. Come per la maggior parte dei leoni marini, esiste un significativo dimorfismo sessuale: il maschio misura tra i 2 e i 2,3 m e pesa in media 250 kg, mentre la femmina misura tra 1,2 e 1,6 m e pesa in media 60 kg. Alla nascita il cucciolo misura tra i 60 e i 70 cm e pesa 6 kg. Vivono circa vent’anni.  Le femmine vivono spesso più a lungo dei maschi.

DISTRIBUZIONE

Il leone marino sudafricano vive lungo le coste meridionali e sudoccidentali del Sudafrica. Il suo areale si estende fino all'Angola.

HABITAT

Gli insediamenti sfruttano coste rocciose, scogliere, spiagge di ghiaia o di sabbia.

ECOLOGIA E COMPORTAMENTO

Come tutte le specie di leone marino, l'otaria sudafricana è poligama. L'harem è generalmente composto da un maschio per ogni nove femmine. Il maschio è il primo ad arrivare nei siti di riproduzione e difende il suo territorio con versi, posture e combattimenti.  Le femmine partoriscono da 1 a 2 giorni dopo il loro arrivo nella colonia.  Otto o nove giorni dopo aver dato alla luce il loro unico cucciolo, ovulano, si accoppiano e vanno in mare per la loro prima stagione di caccia.  Rimangono in mare da 2 a 5 giorni. Tornano poi sulla terraferma per 1 o 2 giorni per allattare i piccoli.  Alterneranno quindi queste due attività tra i 10 e i 12 mesi, età in cui i piccoli saranno svezzati.  Durante la loro assenza, i cuccioli si riuniscono in un nido sorvegliato da una o più femmine dell'harem rimaste a terra.

 

CIBO

È un animale opportunista che caccia un'ampia varietà di prede sia in prossimità della costa che in mare aperto. Si nutre di pesci, cefalopodi e crostacei.

PREDATORI

L'orca e lo squalo bianco. Sulla terraferma sono lo sciacallo e la iena a rappresentare un rischio per i piccoli.

MINACCE

Il leone marino sudafricano ha subito grandi perdite nel XIX secolo a causa dello sfruttamento della sua pelliccia.  Grazie alle misure di protezione messe in atto nel 1990 in Sudafrica, la specie è riuscita a recuperare una popolazione paragonabile a quella di prima, cosa che non avviene in Namibia dove la caccia continua. Altre minacce attuali sono i conflitti di interesse con i pescatori locali, le catture accidentali nelle reti, l'inquinamento, il turismo.

 

COSA POSSIAMO FARE?

Consumare pesce proveniente da una pesca ecosostenibile.

 

LO SAPEVATE?

Otaria da pelliccia o foca da pelliccia?

In inglese, il leone marino sudafricano è chiamato Fur Seal.  Questo nome crea ovviamente della confusione, poiché se tradotto letteralmente significa "Foca da pelliccia".  Tuttavia la sottofamiglia degli Arctocephalus appartiene alla famiglia delle otarie!  Sono animali che hanno piccole pinne esterne e usano quelle anteriori per muoversi sia dentro che fuori dall'acqua.  Il termine "foca da pelliccia" è stato usato per molto tempo e alla fine è stato abbandonato e sostituito dal più preciso “otaria da pelliccia”.  Questo dimostra ancora una volta l'utilità del termine latino adottato da tutte le nazionalità per garantire che stiamo tutti parlando della stessa specie...

Preservazione
Estinto
Estinto in natura
In pericolo critico
In pericolo
Vulnerabile
Vicino alla minaccia
Minima preoccupazione
Dati carenti
Non valutato