20€ off on SILVER, GOLD and PLATINIUM passes, only until November 25th 2022!

Fenicottero cubano

Area tematica:  Tropical aquarium
Nome scientifico:  Phoenicopterus ruber
Classe:  Uccelli
Ordine:   Fenicottero rosa
Famiglia:   Fenicottero
Continente:  America centrale e Caraibi
Habitat:  Rivers, marshes, swamps and lakes
Alimentazione:  Piscivore
Peso:  2 - 4 kg
Dimensione:  120 - 145 cm
altphoto

Ci sono 6 specie di fenicotteri che si differenziano per il colore del piumaggio, il becco, gli occhi e la forma del becco. Il fenicottero dei Caraibi ha un becco con base bianca, centro color corallo e punta nera.

.

CARATTERISTICHE

Questi uccelli sono alti tra i 120 e i 145 cm. Una volta adulta, la femmina è leggermente più piccola del maschio.

Il peso varia tra i 2 e i 4 kg.

L'aspettativa di vita è in media di 20-30 anni, ma sono stati osservati esemplari anche di 50 anni.

Ci sono 6 specie di fenicotteri che si differenziano per il colore del piumaggio, il becco, gli occhi e la forma del becco. Il fenicottero dei Caraibi ha un becco con base bianca, centro color corallo e punta nera.

.

DISTRIBUZIONE

Il fenicottero dei Caraibi si trova non solo lungo le coste delle isole caraibiche  ma anche sulle coste della Colombia, del Venezuela, del Golfo del Messico e occasionalmente della Florida.

.

HABITAT

Frequenta le lagune salmastre e gli habitat con acqua dolce, tra cui le distese di fango, gli estuari, i laghi interni e costieri.

ECOLOGIA E COMPORTAMENTO

Il fenicottero dei Caraibi è un uccello gregario, che vive e nidifica in grandi colonie. Le sue attività principali sono l'alimentazione, la preparazione e il riposo. La comunicazione all'interno della colonia avviene attraverso richiami e gesti rituali. Prima e durante la stagione riproduttiva, l'intero gruppo esegue diversi tipi di parate perfettamente sincronizzate che consistono in movimenti e posture diverse. La coppia, una volta formata, è consolidata per lungo tempo. L'accoppiamento avviene quando la coppia ha lasciato la colonia. Prima dell'accoppiamento vengono eseguite alcune parate, ma sono meno spettacolari dei movimenti complessivi. La nidificazione avviene di solito ai margini di una zona umida, con il maschio e la femmina che stratificano fango e detriti vegetali per costruire il nido. Quest'ultimo, che raggiunge i 40-50 cm di altezza, ha una forma conica alla cui sommità si trova un ricettacolo che serve a raccogliere il singolo uovo che viene deposto. Ogni genitore cova alternativamente tra 1 e 24 ore, a seconda della distanza dalle aree di alimentazione. L'incubazione dura tra i 27 e i 31 giorni. Alla nascita, il pulcino è ricoperto di piumino bianco, il becco è dritto e le zampe e il becco sono neri. I piccoli vengono nutriti dai genitori che rigurgitano il latte dal loro gozzo o porgendo del cibo direttamente nel loro becco. Il pulcino rimane protetto per 5-12 giorni tra l'ala e il corpo dell'adulto, spesso con la testa in vista. Il pulcino lascia il nido quando è in grado di camminare e nuotare e si unisce a un gruppo di centinaia o migliaia di pulcini, sorvegliati da alcuni adulti. Il pulcino è in grado di alimentarsi da solo dall'età di 4-6 settimane, ma i genitori continuano a nutrirlo fino alla comparsa del piumaggio, circa 10-12 settimane dopo la nascita, quando il becco ha assunto la tipica curva di quello degli adulti e può quindi filtrare il cibo. Ci vorranno diversi anni per raggiungere il piumaggio adulto completo.

 

CIBO

Il becco dei fenicotteri ha acquisito una forma particolare nel corso dell'evoluzione per facilitare la ricerca di cibo sulla superficie dell'acqua. Questo becco contiene una sorta di pettine la cui funzione è quella di filtrare le minuscole particelle di cibo dall'acqua estratta dal fango che l'animale ha mescolato con le dita palmate. I due bordi e la parte interna delle mandibole sono ricoperti da lamelle cornee disposte in file, a loro volta ricoperte da peli fini e mobili. La lingua svolge quindi un ruolo importante nello spingere il limo e l'acqua verso le alette per filtrarli e trattenere infine solo il cibo.

Il fenicottero dei Caraibi si nutre di piccoli gamberi, molluschi, organismi microscopici, semi e alghe.

 

MINACCE

Dopo un brusco declino nel 1956, le popolazioni di fenicotteri dei Caraibi sono aumentate e oggi appaiono stabili. Tuttavia, questo uccello poco riproduttivo sta soffrendo a causa dell'urbanizzazione, dell'avvelenamento da piombo, degli uragani e dell'aumento del turismo. In effetti, questo uccello è timoroso e vola via non appena viene disturbato.

COSA POSSIAMO FARE?

La creazione di leggi di protezione e di riserve naturali ha aiutato molto questo uccello a mantenere le sue popolazioni. Ridurre il nostro impatto sulle aree non protette aumenterebbe la quantità di habitat adatti alla vita e alla riproduzione di questa specie.

.
Preservazione
Estinto
Estinto in natura
In pericolo critico
In pericolo
Vulnerabile
Vicino alla minaccia
Minima preoccupazione
Dati carenti
Non valutato

LO SAPEVATE?

Il termine "fenicottero" deriva dalla parola provenzale "flamen", che si riferisce al colore rosso del piumaggio, che ricorda il fuoco.

Biglietto online da

24,90 €