Covid-19 info e aggiornamenti. Scopri le nostre misure di sicurezza. Vedi i dettagli

Notizie sulle tartarughe

Le tartarughe marine sotto i riflettori per un intero weekend!

Marineland ha ospitato la prima formazione pratica per veterinari e responsabili di reti e centri di assistenza alle tartarughe marine. 40 professionisti francesi e stranieri hanno potuto migliorare le loro tecniche di intervento. Questa prima importante edizione è stata co-organizzata il 20 e 21 novembre 2021 ad Antibes dal Muséum national d'Histoire naturelle (MNHN), dall'unità di servizio comune PatriNat e da Marineland, in coordinamento con il gruppo Patologia e Centri di cura della GTMF-TOT'M. Questi esperti sono ora pronti a raccogliere dati per valutare lo stato di salute delle popolazioni di tartarughe marine e l'impatto delle attività antropiche su queste specie fragili e minacciate.

Il primo corso di formazione pratica si è tenuto presso lo zoo marino di Marineland con 40 veterinari e responsabili di reti e centri di cura delle tartarughe marine, un corso ideato in particolare dal Muséum National d'Histoire Naturelle per il Ministero della Transizione Ecologica.

Questo corso di formazione di 2 giorni ha permesso ai partecipanti di apprendere tecniche di intervento veterinario molto precise, come la gestione degli animali in stato di ipotermia, disidratazione o apatia. Sono stati organizzati workshop pratici sulle tecniche di prelievo di campioni di sangue, analisi del sangue o diagnosi mediche (ecografie, raggi). Sono state trattate le patologie legate ai problemi specifici di ogni regione, compresi i territori ultramarini, e le cure da fornire: collisioni con imbarcazioni che comportano fratture, ingestione di rifiuti, incidenti da decompressione legati a catture accidentali, problemi di galleggiamento, rimozione di ami, ecc. La parte pratica di questa prima giornata, che ha affascinato questi tirocinanti di alto livello, è stata completata da una parte teorica e da casi di studio.

Le tecniche di autopsia e di raccolta dei campioni sono state affrontate il giorno successivo presso il laboratorio veterinario dipartimentale di Sophia-Antipolis. Infine, è stato al Centre de Réhabilitation de la Faune Sauvage de l'Association Marineland, ospitato presso l'Espace Mer et Littoral della città di Antibes, che, dopo la visita dei locali, si è svolto un momento di scambio sui protocolli per la cura delle tartarughe ferite. 

ESPERTI VENUTII DA TUTTO IL MONDO PER L'OCCASIONE

Per la dottoressa Estelle Rousselet (DVM, PhD, diplomata all'American College of Zoological Medicin), che ha condotto molti momenti salienti : " Questa formazione è la prima nel suo genere. Ha permesso la formazione, naturalmente, ma anche lo scambio e la condivisione di competenze sulla medicina delle tartarughe marine. Siamo riusciti a coinvolgere veterinari, biologi e direttori di centri di cura, con l'obiettivo di armonizzare le pratiche e promuovere il benessere degli animali".

" Questo weekend di formazione è stato un momento davvero unico per perfezionare le tecniche di intervento dei veterinari e dei responsabili delle reti e dei centri di cura. Speriamo che questo aumenti le possibilità di sopravvivenza delle tartarughe marine, specie protetta in Francia e spesso pesantemente colpita dalle attività umane ».

« Questa formazione è stata un vero successo! »  continua Sidonie Catteau, esperta di tartarughe marine e responsabile del centro di cura dell'Associazione Marineland. " Questi specialisti sono arrivati dalla Polinesia, dall'Isola della Riunione, dalla Martinica, dalla Nuova Caledonia, da Saint-Pierre-et-Miquelon e, per la Francia metropolitana, dalle due coste dell'Atlantico e del Mediterraneo! " 

GESTIRE MEGLIO LE SPECIE MINACCIATE PER MEGLIO ORIENTARE LE AZIONI DI CONSERVAZIONE

Tutte e sette le specie di tartarughe marine sono considerate minacciate dall'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN). Le informazioni raccolte durante questi due giorni di scambi sono molto preziose. Miglioreranno il livello di conoscenza delle cure veterinarie per le tartarughe marine, essenziali per gestire meglio le specie minacciate e guidare le misure adottate per la conservazione della fauna selvatica e degli habitat a livello nazionale, europeo e internazionale.

I materiali formativi, organizzati in collaborazione con il Ministero della Transizione Ecologica, sono stati registrati e messi a disposizione dell’ Osservatorio delle Tartarughe Marine e del Gruppo Tartarughe Marine Francia.

PATRINAT (OFB-MNHN-CNRS)

L'”Unité mixte de service (UMS) Patrimoine Naturel” (PatriNat) svolge missioni di competenza scientifica nazionale e di gestione delle conoscenze in materia di biodiversità per i suoi tre organi di controllo, che sono l'Ufficio francese per la biodiversità (OFB), il Muséum national d'Histoire naturelle (MNHN) e il Centre national de la recherche scientifique (CNRS).
Nel quadro delle politiche pubbliche nazionali e internazionali, come le direttive europee sulla natura, l'UMS PatriNat fornisce un supporto tecnico e scientifico ai servizi statali, alle autorità locali e agli enti pubblici responsabili della biodiversità e delle aree naturali. Fornisce inoltre le proprie competenze scientifiche agli attori socio-economici che compiono azioni a favore della biodiversità nella loro politica ambientale.

L'OSSERVATORIO DELLE TARTARUGHE MARINE (MTOS)

L'Osservatorio delle tartarughe marine (OTM) è un programma scientifico che raccoglie tutte le osservazioni sulle tartarughe marine che frequentano le coste della Francia continentale e di Saint-Pierre e Miquelon, contribuendo a monitorare l'evoluzione dello stato di conservazione delle tartarughe marine sul territorio e ad adattare le misure da adottare per la loro conservazione. L'OTM è sostenuto dal Muséum national d'Histoire naturelle (MNHN), che è responsabile della concessione di esenzioni agli osservatori del programma su ordine ministeriale. Infatti, le tartarughe marine sono tutte protette e qualsiasi intervento su un esemplare, vivo o morto, richiede un'autorizzazione nell'ambito di programmi scientifici o di conservazione.

.

IL GRUPPO TARTARUGHE MARINE IN FRANCIA (GTMF)

Riunisce più di 150 membri, coinvolti nella conservazione delle tartarughe marine, attraverso le loro missioni e attività: amministrazioni, istituzioni scientifiche ed esperti, associazioni di protezione della natura, reti di osservatori, centri di accoglienza pubblici (acquari...) e centri di cura.

.

ASSOCIAZIONE MARINELAND

Lo scopo dell'Associazione Marineland (Legge 1901) è quello di sviluppare, promuovere e incoraggiare la conservazione delle specie animali e la sensibilizzazione del pubblico all'ambiente marino. + link. Ha creato e gestisce un Centro di riabilitazione della fauna selvatica, ospitato dalla città di Antibes, dedicato alle tartarughe marine selvatiche trovate in difficoltà.

.

Biglietto online da

24,90 €